Bullet Journal: hobby della pianificazione

Bullet Journal: hobby della pianificazione

Il Bullet Journal è un hobby ideale per chi conduce una vita freneticaLavoro, casa, famiglia…ogni giorno siamo pieni di impegni e quando questi si accumulano o non sono ben pianificati, i livelli di stress possono aumentare. Ecco perché è importante una buona organizzazione, stabilendo cosa ha davvero la priorità. Mentre svolgiamo le nostre attività quotidiane, è però essenziale anche ritagliare del tempo per rilassarsi e fare qualcosa che ci piace. Vediamo allora in cosa consiste.

Che cos’è il Bullet Journal

Il Bullet Journal è sostanzialmente un metodo di pianificazione ideato da Ryder Carroll. Si basa su delle tecniche efficaci, sperimentate già da moltissime persone. R. Carroll ha messo a punto questo sistema per tenere traccia del passato, organizzare il presente e pianificare il futuro, come lui stesso ha affermato. Questo hobby può aiutare ad aumentare la produttività e a raggiungere con successo i vostri obiettivi personali.

Cosa serve per realizzare un Bullet Journal

Gli unici due strumenti davvero necessari per realizzare il Bullet Journal sono un Taccuino e una penna. Per quanto riguarda il taccuino, sceglietene uno a fogli bianchi, a quadretti o a puntini. Naturalmente se avete una penna preferita, optate per quella! Quaderno e penna saranno i vostri nuovi alleati per la pianificazione di ogni giorno. Secondo il metodo “originale”, ll Bullet Journal può essere suddiviso in alcune sezioni. Considerato che si può personalizzare, scegliete voi come disporle oppure quali usare. Qui vi elenchiamo le principali:

  1. Indice, dove riportare le varie sezioni indicando gli estremi delle pagine (per esempio, “visione settimanale da pagina n. a pagina n.”)
  2. Future log, la sezione in cui segnare gli eventi futuri più importanti, le varie scadenze ed i promemoria;
  3. Monthly log, dove appuntare gli impegni del mese;
  4. Daily log, che è lo spazio per tracciare le attività di ciascun giorno e, preferibilmente, da compilare quotidianamente;
  5. Collection, ossia degli elenchi o liste di cose come i film da vedere, i luoghi da visitare, libri da leggere, ecc.

Il metodo originale di R. Carrol suggerisce inoltre di abbinare dei simboli a delle tipologie di annotazioni. Questi simboli sono chiamati keys (in italiano “chiavi”). Potreste per esempio associarne uno agli eventi importanti, un’altro agli obiettivi da raggiungere e così via. Anche in questo caso, Carroll ha proposto nel suo libro le keys che utilizza abitualmente, ma nulla vieta di sceglierne altre. L’importante è che siano facili da ricordare e che l’associazione al significato sia per voi immediata.

Come rendere creativo il Bullet Journal

Le tecniche che abbiamo visto hanno lo scopo di organizzare al meglio il vostro tempo prezioso. Ma come potete rendere più artistico il vostro hobby? Utilizzate ciò che avete di cancelleria per abbellirlo. Potreste per esempio evidenziare di colori diversi gli impegni della giornata, attribuendo a ciascun colore un significato. Oppure perché non rendere il tutto meno formale con delle greche disegnate a mano o degli adesivi colorati? Giocate inoltre con i vari stili di scrittura: questo donerà carattere al vostro Bullet Journal, proprio secondo i vostri gusti. Un’ultima idea che vi proponiamo sono i cosiddetti trackers perché, come suggerisce la parola stessa, permettono di tenere traccia delle vostre abitudini o di qualsiasi altra cosa che volete tenere sotto controllo. Si possono realizzare bellissimi trackers, anche sotto forma di disegni, per “tracciare” la vostra attività fisica, le vostre emozioni (mood trackers) o le vostre spese.

Perché dedicarsi al Bullet Journal

Come abbiamo visto questo può essere un ottimo compromesso tra un hobby creativo e la necessità di programmare gli appuntamenti. A differenza dell’agenda classica, in cui il layout è prestampato e definito, il Bullet Journal permette di personalizzare l’impaginazione in base alle proprie esigenze. Sperimentatene anche voi i benefici!

 

Sapone alla lavanda: come farlo in casa

Sapone alla lavanda: come farlo in casa

 

 

Il sapone alla lavanda ha un profumo delizioso. Scoprite assieme a noi quali sono le sue proprietà e come prepararlo a casa. Vedremo anche come confezionarlo per fare dei regali.

Proprietà della lavanda

La lavanda è una pianta dalle proprietà rilassanti che aiutano a conciliare il giusto riposo. Elimina le impurità della pelle e ha proprietà antinfiammatorie. Il suo profumo è veramente delizioso. Per fare il sapone useremo tutti ingredienti naturali che proteggeranno la vostra pelle. Il componente principale sarà l’olio di lavanda e una piccola parte di fiori della pianta stessa.

Ingredienti per il sapone alla lavanda

  • Olio essenziale di lavanda: 40 gocce. Fiori della pianta 60 grammi
  • Lisciva: è un addensante in sostituzione della soda caustica. 600 grammi
  • Amido di riso: dalle proprietà calmanti. 100 grammi
  • Olio di mandorle: lenitivo. 150 ml
  • Olio essenziale di pompelmo: antimicotico e antibatterico. 20 ml
  • Olio essenziale di arancio dolce: calmante e profumato. 20 ml

Preparazione del Sapone alla lavanda

  1. In una ciotola mescolate l’amido di riso, l’olio di mandorle e la lisciva
  2. Mettete la ciotola a bagnomaria dentro una pentola e girate mentre l’acqua della pentola bolle.
  3. Unite al composto i fiori di lavanda e mescolate di continuo. Fatelo fino a quando non noterete che il composto si è fatto leggermente denso.
  4. A questo punto aggiungete gli oli essenziali.
  5. Versate il composto in formine di silicone.
  6. Lasciate asciugare all’aria per almeno 20 giorni.
  7. Quando le saponette avranno la giusta consistenza, toglietele dalle formine.

Ora il vostro profumatissimo sapone è pronto all’uso. Potete conservarlo in apposite bustine, oppure inserirlo come profumatore negli armadi e cassetti. Un’altra idea è quella di regalarlo ben confezionato.

 

Come confezionare il sapone alla lavanda

Confezionare Il vostro sapone fatto a mano sarà un vero piacere. Prima di tutto inserite il sapone in una bustina trasparente per preservarne il profumo. Poi per confezionarlo decidete voi secondo i vostri gusti. L’idea è quella di personalizzarlo. Usate  della carta da pacchi colorata o carta velina. Per chiudere la confezione sono stupendi i nastri. Ne esistono di diversi materiali, dal pizzo, al raso, la rafia, ecc. E poi non dimenticate di aggiungere un’etichetta con la descrizione degli ingredienti e anche la scritta:”Fatto a mano”. Insomma, lasciate spazio alla fantasia e il successo è sicuramente garantito!

 

 

Scrapbooking e journaling:  hobby dei ricordi e passioni

Scrapbooking e journaling: hobby dei ricordi e passioni

Scrapbooking e journaling: hobby

Tutti amano ripensare ai bei momenti trascorsi, magari in compagnia delle persone speciali, e che rendono certe esperienze ancor più significative ed indimenticabili. Oggi vi proponiamo un metodo creativo e rilassante per custodire questi “frammenti” della vostra vita. In questo articolo parleremo dello scrapbooking e del journaling. Queste due attività sono strettamente collegate e stanno diventando sempre più conosciute grazie anche ai vari spunti forniti dal web. Ma andiamo con ordine…

Cosa sono lo scrapbooking e il journaling

Cosa si intende per scrapbooking? Lo scrapbooking è un’arte creativa che consiste nel rendere un semplice quaderno o album formato da pagine di carta in una raccolta di ricordi. Tutto quello che si ha di cancelleria (foto, adesivi, evidenziatori,pennarelli) si può usare per rendere unico e personale il proprio  book.

Allo scrapbooking si affianca il journaling che consiste nell’inserire nel proprio book delle informazioni scritte di carattere personale.  Ad esempio potete aggiungere delle riflessioni sulla vostra giornata, delle poesie, delle citazioni o delle frasi motivazionali.

Perché provare questo hobby

Lo scrapbooking è un hobby davvero alla portata di tutti perché lascia spazio al proprio stile e personalità. Potete applicare questa tecnica per creare book riguardanti qualsiasi interesse o passione della vostra vita. Chi ama i viaggi può cimentarsi in questo hobby raccogliendo e collezionando biglietti, foto, cartine, mappe. Chi invece ama la cucina può collezionare ricette e foto dei propri piatti e farne un book con commenti personali.

Alcuni consigli per iniziare

Vediamo alcuni suggerimenti per chi vuole cimentarsi con lo scrapbooking e il journaling:

1.Scegliete un tema generale che servirà da filo conduttore. Alcuni temi potrebbero essere:

    • i viaggi che avete fatto o che state programmando;
    • la vita del vostro bambino documentata passo per passo;
    • la raccolta delle vostre poesie e/o frasi preferite;

2. Armatevi di cancelleria o qualsiasi altra cosa vi suggerisca fantasia per rendere unico il vostro book: timbri, stickers, stoffe, carte da regalo, cartoncini, penne colorate e così via, saranno i vostri strumenti per decorare le pagine dell’album;

3. Date sfogo alla vostra fantasia: La vera regola è che non ci sono regole!

Prossimo articolo: Bullet Journal

Ma che dire di coloro che hanno una vita davvero frenetica e che non vogliono rinunciare a sperimentare questo hobby? Non perdetevi il prossimo articolo dedicato al Bullet Journal per scoprire il piacere del pianificare le vostre giornate con creatività e stile!

 

Figli e lettura: insegnategli ad amarla

Figli e lettura: insegnategli ad amarla

Come si può insegnare ai propri figli ad amare la lettura e farli diventare dei buoni studiosi? Voi genitori avrete un ruolo molto importante in questo processo. La ragione è che i vostri figli imparano a vivere imitandovi. Sopratutto nei primi anni della loro vita. Vediamo assieme alcuni consigli che possono aiutarvi a farlo. Le soddisfazioni saranno tante!

Amate per primi la lettura

Papà e mamma sono seduti sul divano di casa. Il loro bambino è seduto anche lui, in mezzo a loro. Con le sue manine cerca di tenere un enorme libro di geografia che quasi lo copre del tutto. Fa finta di leggere a voce alta la sua fiaba preferita ma poi a un certo punto si arrende: “Ora continua tu papà”! I genitori possono fare molto in questa fase. I figli che vedono regolarmente i genitori leggere, vivono la lettura come una parte importantissima della vita. Potrete trasmettergli e coltivare questo amore man mano che crescono. L’impresa sarà impegnativa ma i risultati vi faranno felici. Vediamo assieme cosa fare per coltivare in loro l’amore per la lettura.

Come insegnare ai figli ad amare la lettura

Un modo per poter insegnare ai propri figli ad amare la lettura è sicuramente quello di farlo assieme. Abbiate perciò la buona abitudine di leggere qualcosa ai vostri bambini fin da quando sono piccoli. Potreste leggergli una fiaba e poi insegnargli in poche parole che lezione ha imparato. Il bambino deve capire che quando legge, impara sempre qualcosa. Poi pian piano, mentre cresce fatevi raccontare che cosa gli è piaciuto di quello che avete letto assieme.

Potete trovare alcuni libri classici per i bambini cliccando qui: Libri di narrativa per bambini

Quando inizierà a leggere stategli affianco e chiedetegli di farlo a voce alta. Imparerà ad ascoltarsi e a capire maggiormente il testo. Parlate sempre con lui di ciò che avete letto. Anche di quello che avete letto solo voi. Farlo, alimenta la sua voglia di sapere. Un’altra cosa molto bella è quella di portarlo con voi in biblioteca. Mostrategli come sono archiviati i libri. Quindi fategli scegliere un libro adatto alla sua età. Naturalmente accertatevi sempre voi per primi del contenuto del libro che leggerà.

Create un ambiente stimolante per leggere

L’ambiente e l’atmosfera che ci circonda giocano un ruolo fondamentale. Perché aiutano ad assaporare la lettura e a concentrarsi nello studio. Dovrebbe essere un luogo arieggiato, luminoso e pulito. Si potrebbe creare un angolo nella cameretta (separato dalla zona giochi) con una piccola poltroncina. Sarebbe utile una libreria dove mettere tutti i libri di lettura. Alcune famiglie hanno trovato utile scegliere un orario della giornata dedicato alla lettura del libro preferito. In casa regna un piacevole silenzio. Perché non accompagnare una buona lettura con un tè per voi e una cioccolata o una bevanda per i vostri piccoli?

Risultati positivi della lettura e dello studio

I benefici della lettura sono davvero tanti. I vostri figli saranno degli ottimi studenti e avranno successo a lavoro. La loro visione del mondo che li circonda sarà più completa. Non faranno fatica ad esprimersi e sapranno ascoltare. Impareranno a riflettere e di conseguenza a cogliere una lezione o insegnamento da ciò che leggono. Ameranno leggere, studiare e scrivere. La loro sarà una mente aperta e curiosa di ampliare la propria conoscenza. Riusciranno senza fatica a relazionarsi con gli altri e a capirli. E come voi diventeranno padri o madri capaci di trasmettere lo stesso amore per la lettura ai propri figli.